BLOG


Il 25, 26 e 27 novembre è Bagna Cauda Day in 155 locali da Asti alla Tasmania

foto-bagna-cauda-day_05Dopo Germania, Costa Rica, Giappone e isola di Tonga, il Bagna Cauda Day approda in Tasmania, isola dell’Australia. L’Osteria Stefano Lubiana la proporrà il 25, 26 e 27 novembre contemporaneamente all’evento che coinvolgerà oltre 150 ristoranti, osterie e cantine con 15 mila posti a tavola ad Asti, in Piemonte, in Liguria, in Valle d’Aosta e nel mondo. La rassegna, giunta alla 4ª edizione, è ideata e promossa dall’Associazione Astigiani. Il motto di quest’anno è: Siamo tutti nella bagna!

Ieri cerimonia di anteprima con la consegna del premio “Testa d’Aj” a chi nella vita ha dimostrato di saper andare con tenacia e fantasia controcorrente e di non temere di ritrovarsi “fuori dal coro”. Lo hanno ricevuto: il poeta, scrittore e drammaturgo Guido Ceronetti, il ristoratore astigiano Piero Fassi, la “collega” Rosalba Faussone, anima, fino alla chiusura, dell’ultima piola di Asti, e Antonio Guarene, architetto, disegnatore, illustratore garbato e arguto che racconta da decenni la vita astigiana

La kermesse si presenta con numerose novità e la stessa voglia di creare occasioni di incontro e convivialità. La formula è la stessa: in tutti i locali prezzo fisso di 25 euro e vino proposto a 8 euro a bottiglia.

Sul sito internet www.bagnacaudaday.it si può prenotare il posto a tavola per la cena di venerdì 25, pranzo e cena di sabato 26 e pranzo e cena di domenica 27 novembre.

Asti resta il baricentro del Bagna Cauda Day, ma si sono aperte altre “piazze” importanti di incontro a Casale Monferrato, Ovada, Gavi, Tortona, Costigliole d’Asti e in decine di altri paesi di Langa, del Monferrato e del Roero. Anche Torino risponde in maniera sempre più entusiasta, così come la Valle d’Aosta e ci sono le sorprendenti adesioni dall’estero: da Berlino all’Australia, dalla Costa Rica al Giappone. Perfino nelle isole di Tonga e della Tasmania si celebrerà il rito della Bagna Cauda.

 BAGNA CAUDA MARKET IN PIAZZA MEDICI AD ASTI

Cambia anche il luogo del Bagna Cauda Market che quest’anno si terrà in piazza Medici ad Asti, ai piedi della Torre Troyana. Attorno ad antico ballo a palchetto saranno allestite le bancarelle del mercato in collaborazione con la Camera di commercio, la Coldiretti e i mercati della Terra di Slow Food: verdure, acciughe sotto sale e fritte al momento, olio di nocciole, olio extravergine d’oliva dalla Liguria, ogni altro prodotto legato al mondo della bagna cauda.

Il mercatino sarà aperto dalle 15 alle 18,30 di venerdì 25, dalle 10 alle 18 di sabato 26 e dalle 10 alle 13 di domenica 27 novembre.

Sotto il tendone del ballo a palchetto ci sarà l’occasione per gustare aperitivi a base di vermouth piemontese proposto dalle aziende aderenti all’Unione industriale. Speciali aperitivi saranno anche serviti in cima alla Torre Troyana, dopo aver salito i 199 gradini che portano ai 43 metri di altezza: dalle 10 alle 14 venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 novembre a cura del Bar La Torre. Info: 320 2465458

BACIO DI MEZZANOTTE, PROGRAMMA MUSICALE E ANNULLO FILATELICO POSTALE

La sera di venerdì 25 novembre in piazza Medici si terrà dalle 22 a mezzanotte un concerto ballabile del trio Loutente&The Cameltoes.

Sabato 26 novembre sempre dalle 22 sarà la volta del gran ritorno dei Fiati Pesanti la maxi super band che ha nel suo repertorio anche uno straordinario Bagna Cauda blues.

Torna il BARBERA KISS proposto dal Consorzio della Barbera d’Asti alla mezzanotte di venerdì 25 e di sabato 26. Sulle note della canzone “Non ti fidar di un bacio a mezzanotte”, si terrà l’ironico flashmob, in omaggio alle mitiche Gemelle Nete. I bagnacaudisti sono invitati a un ironico abbraccio collettivo e al bacio in piazza della durata dei 12 rintocchi dell’orologio della Torre Troyana. Il vin brulé offerto dal Consorzio della Barbera d’Asti suggellerà la nottata.

Il Bacio di mezzanotte si celebrerà anche in altri locali che aderiscono al Bagna Cauda Day. A Casale Monferrato il “Bacio a corte” si terrà nel suggestivo cortile del castello.

Sabato alle 12 il Bagna Cauda Day vivrà anche il suo speciale momento filatelico. In collaborazione con Poste Italiane e l’associazione filatelici astigiani verrà timbrata con annullo speciale la prima cartolina appositamente edita. Le 999 cartoline con l’annullo filatelico dedicato al Bagna Cauda Day saranno in vendita per tutta la durata della festa al prezzo di 3 euro e avranno i francobolli della serie vini italiani dedicati ai vini Barbera d’Asti e Asti e Moscato docg.

DOMENICA MATTINA LA MARCIACAUDA DI 8 CHILOMETRI

Altra novità di quest’anno è la MarciaCauda, organizzata domenica 27 in collaborazione con la società sportiva Vittorio Alfieri. Una corsa podistica non competitiva smaltisci bagna o apristomaco che partirà dalle ore 9 da piazza Medici e seguirà un percorso cittadino.

BAGNA CAUDA CLIC. Con il Bagna Cauda Day, torna anche il contest fotografico Bagna Cauda Clic su Instagram sempre in collaborazione con il Consorzio della Barbera d’Asti e dei Vini del Monferrato. Siete tutti invitati a fotografare la Bagna Cauda in tutte le sue declinazioni: dai piatti, agli ingredienti, dalle tavole imbandite agli eventi collaterali, ai momenti conviviali come il Barbera Kiss. Si può partecipare con un massimo di tre foto. Seguite i profili Instagram @bagnacaudaday @barberadasti e taggate le vostre foto con #BagnaCaudaDay2016 #barberadasti #siamotuttinellabagna #barberakiss e #mynameisbarbera.

Le immagini saranno valutate da una giuria di esperti e i vincitori riceveranno una cantinetta da sei bottiglie gentilmente offerte dal Consorzio Barbera d’Asti e altri premi.

La cerimonia si svolgerà a metà dicembre 2016 in occasione della presentazione del 18° numero della rivista Astigiani.

SOLIDARIETÀ TERREMOTO E AISLA. Il Bagna Cauda Day, come ogni anno, ha anche un volto solidale: quest’anno il nostro cuore è in centro Italia, accanto alle popolazioni colpite dal terremoto. Aderiamo alla raccolta promossa da Specchio dei tempi del quotidiano La Stampa media partner del Bagna Cauda Day. A conferma del fatto che la bagna cauda fa bene un contributo andrà anche all’Aisla (Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica).

 

LA MOSTRA ALL’ENOTECA LA BUTA

Il Bagna Cauda Day vedrà anche una mostra a firma del pittore  Paolo Viola che ha dedicato i suoi quadri alle  acciughe e ad altre verdure da bagna cauda ospitata all’enoteca La Buta di via Incisa 16.

Le altre iniziative collegate al Bagna Cauda Day sono aggiornate sul sito www.bagnacaudaday.it e sul Vademecum della Bagna Cauda che è in distribuzione gratuita a cura di Astigiani e scaricabile dal sito.

SPONSOR 2016. Il Bagna Cauda day ha il patrocinio del Comune di Asti e della Regione Piemonte ed è stato reso possibile grazie al sostegno e alla collaborazione di Banca d’Asti, Consorzio della Barbera d’Asti, Simply market, Produttori di Vermouth dell’Unione Industriale di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Palazzo Mazzetti, Mario Fongo l‘Panaté di Rocchetta Tanaro, Ab selezione grappe di Canelli, Consorzio dell’Asti docg, Torroneria Davide Barbero, olio di nocciole Baldaiassa di Cortazzone, amaretti cavalier Vincenzi di Mombaruzzo, cooperativa tra apicoltori Abello di Asti Casabianca, Atl Asti Turismo, Camera di Commercio di Asti e Riviera di Liguria,  rassegna OliOliva Imperia, Consorzio Mondo Casale Monferrato.

Media partner: La Stampa

ASTIGIANI è un’associazione culturale presieduta da Luciano Nattino, che edita un trimestrale di storia e storie, diretto da Sergio Miravalle e organizza eventi legati al recupero della memoria delle terre astigiane.

 

 

BAGNA CAUDA DAY IN NUMERI

155 locali aderenti con cuochi e cuoche che proporranno la loro Bagna Cauda: dal ristorante stellato alla trattoria di paese, la vineria e la cantina sociale, il locale di tendenza e quelli ancorati alla tradizione.

6 paesi del mondo coinvolti

15 mila posti a tavola complessivi

3 le versioni: “Come Dio comanda” (tradizionale), “eretica” (con poco aglio), “atea” (senz’aglio)

25 euro: il prezzo fisso della Bagna Cauda uguale in tutti i locali, compresi dolce e caffé

8 euro: il prezzo promozionale del vino a bottiglia direttamente dai produttori aderenti

Il Bagna Cauda Day è solo per chi non ha la puzza al naso

Facebook/Bagna-Cauda-Day

Twitter: @bagnacaudaday

Instagram: @bagnacaudaday

Hashtag: #bagnacaudaday #bagnacaudaday2016 #siamotuttinellabagna #baciamisubito #barberadasti #barberakiss

Una serata sul Gattinara: giovedì 24 novembre all’Enoteca La Buta di Asti

 

inserzione-la-stampa-jpgProseguono le Serate d’autunno all’Enoteca La Buta, di via Giuseppe Incisa 16, ad Asti. Giovedì 24 novembre incontro con il Gattinara, l’altro volto del Nebbiolo. In degustazione 4 etichette: Caligaris Gattinara 2010, Delsignore Gattinara 2012, Petterino Gattinara 2006 e Franchino Gattinara 2011. Costo della degustazione: 25 euro. È compreso anche un aperiButa con salumi, formaggi e sfiziosità.

L’ultima serata sarà il 15 dicembre con un viaggio tra le bollicine Bellavista in Franciacorta (30 euro).

Info e prenotazioni: 333 4933160, bruno.violato@libero.it

Sono ancora aperte le iscrizioni per il corso di degustazione organizzato dalla Fondazione Italiana Sommelier: 52 lezioni tenute da professionisti ed esperti del comparto vino. Ogni studente riceverà materiale didattico: cinque libri di testo, quaderni e sei bicchieri Riedel. Costo del corso: 650 euro pagabile in due rate + 100 euro di iscrizione alla Fis. Le lezioni si terranno dalle 20.30 alle 23 nell’Enoteca “La Buta” di via Incisa 16, ad Asti.
Per info e prenotazioni: www.fondazionesommelierpiemonte.it; fondazionesommelierpiemonte@gmail.com; 333/4933160

Bagna Cauda Day: il premio Testa d’Aj a Guido Ceronetti

foto-bagna-cauda-day-2016Siamo tutti nella bagna. Gli organizzatori del Bagna Cauda Day che si festeggerà il 25, 26 e 27 novembre non hanno dubbi. L’evento si annuncia in forte crescita e non solo per i numeri che sono davvero importanti: 150 tra ristoranti, cantine, vinerie prepareranno la Bagna Cauda contemporaneamente, con la possibilità di servire nei tre giorni di festa oltre 15 mila commensali.

Un record annunciato di partecipazione e di condivisione che, partendo da Asti, si è esteso in questi quattro anni a gran parte del Piemonte con significative adesioni nel Monferrato da Costigliole a Casale dall’Ovadese alla Langa, dal Roero a Torino.

La festa arriva anche in Liguria e raggiunge anche locali a migliaia di chilometri da Berlino al Costarica, dall’Australia all’Isola di Tonga, nel cuore del Pacifico, fino in Giappone. L’elenco completo dei locali che aderiscono è sul sito www.bagnacaudaday.it.

La formula di successo – è stato detto alla conferenza stampa che si è svolta alla Camera di Commercio – ha mantenuto il prezzo della bagna cauda più un dolce e un caffé a 25 euro a commensale e quello del vino a 8 euro a bottiglia. “E’ un elemento di certezza che favorisce i tantissimi che arrivano da lontano, soprattutto i giovani, che sono a sorpresa grandi frequentatori della nostra festa” commentano gli organizzatori.

Piace anche l’indicazione del semaforo per distinguere i tipi di bagna cauda: rosso quella “come Dio comanda”, giallo per l’eretica e verde per quella atea senz’aglio o quasi

Nuovo lo slogan che appare sul bavaglione in stoffa che sarà dato in omaggio ad ogni bagnacaudista, affidato alla graffiante penna di Antonio Guarene che ha  disegnato un puttino con la cornucopia che versa acciughe, aglio verdure nel classico “fujot” con il motto: “Siamo tutti nella bagna”. Un tocco di evidente attualità.

IL PREMIO “TESTA D’AJ”

Il Bagna Cauda Day non è solo una festa dedicata al tipico piatto della tradizione piemontese.  Quest’anno ci sarà l’anteprima della consegna del premio “Testa d’aj” che Astigiani, l’associazione organizzatrice dell’evento, ha deciso di assegnare a chi nella vita ha dimostrato di saper andare con tenacia e fantasia controcorrente e di non temere di ritrovarsi “fuori dal coro”.

Riceveranno il premio il poeta, scrittore e drammaturgo Guido Ceronetti che a 89 anni tornerà nell’Astigiano dove ebbe tra i suoi amici più cari Arturo Bersano, l’imprenditore vinicolo di Nizza Monferrato  che fu tra i primi a dare un valore culturale alla bagna cauda.

Le altre “Testa d’aj 2016” sono: Piero Fassi, l’appassionato ristoratore innamorato di Asti che, con la moglie Pina, ha saputo far crescere il suo Gener Neuv  fino alla stella Michelin,  la “collega” Rosalba Faussone, anima, fino alla chiusura, dell’ultima piola di Asti e Antonio Guarene,  il vignettista garbato e arguto che racconta da decenni la vita astigiana.

La cerimonia di consegna del premio (una artistica riproduzione di una testa d’aglio realizzata da Marco Ari) è prevista per domenica 20 novembre alle ore 17,30 nel salone d’onore di Palazzo Ottolenghi.

BAGNA CAUDA MARKET IN PIAZZA MEDICI

Cambia anche il luogo del Bagna Cauda Market che quest’anno si terrà in piazza Medici ai piedi della Torre Troyana. Attorno ad antico ballo a palchetto saranno allestite le bancarelle del mercato in collaborazione con la Camera di commercio, la Coldiretti e i mercati della Terra di Slow Food: verdure, acciughe sotto sale e fritte al momento, olio di nocciole, olio extravergine d’oliva dalla Liguria, ogni altro prodotto legato al mondo della bagna cauda.

Il mercatino sarà attivo dalle 15 alle 18,30 di venerdì 25, dalle 10 alle 18 di sabato 26 e dalle 10 alle 13 di domenica 27 novembre.

Sotto il tendone del ballo a palchetto ci sarà l’occasione per gustare aperitivi a base di vermouth piemontese proposto dalle aziende aderenti all’Unione industriale. Speciali aperitivi saranno anche serviti in cima alla Torre Troyana, dopo aver salito i 199 gradini che portano ai 43 metri di altezza.

PROGRAMMA MUSICALE, BACIO DI MEZZANOTTE E ANNULLO FILATELICO POSTALE IN PIAZZA MEDICI

La sera di venerdì 25 novembre in piazza Medici si terrà dalle 22 a mezzanotte un concerto ballabile del trio Loutente&The Cameltoes.

Sabato 26 novembre sempre dalle 22 sarà la volta del gran ritorno dei Fiati Pesanti la maxi super band che ha nel suo repertorio anche uno straordinario Bagna Cauda blues.

Torna il BARBERA KISS proposto dal Consorzio della Barbera d’Asti alla mezzanotte di venerdì 25 e di sabato 26. Sulle note della canzone “Non ti fidar di un bacio a mezzanotte”, si terrà l’ironico flashmob, in omaggio alle mitiche Gemelle Nete. I bagnacaudisti sono invitati a un ironico abbraccio collettivo e al bacio in piazza della durata dei 12 rintocchi dell’orologio della Torre Troyana. Il vin brulé offerto dal Consorzio della Barbera d’Asti suggellerà la nottata.

Il Bacio di mezzanotte si celebrerà anche in altri locali che aderiscono al Bagna Cauda Day. A Casale Monferrato il “Bacio a corte” si terrà nel suggestivo cortile del castello.

Sabato alle 12 il Bagna Cauda Day vivrà anche il suo speciale momento filatelico.

In collaborazione con Poste Italiane e l’associazione filatelici astigiani verrà timbrata con annullo speciale la prima cartolina appositamente edita. Le 999 cartoline con l’annullo filatelico dedicato al Bagna Cauda Day saranno in vendita per tutta la durata della festa al prezzo di 3 euro e avranno i francobolli della serie vini italiani dedicati ai vini Barbera d’Asti e Asti e Moscato docg.

DOMENICA MATTINA LA MARCIACAUDA DI 8 CHILOMETRI

Altra novità di quest’anno è la MarciaCauda, organizzata domenica 27 in collaborazione con la società sportiva Vittorio Alfieri. Una corsa podistica non competitiva smaltisci bagna o apristomaco che partirà dalle ore 9 da piazza Medici e seguirà un percorso cittadino.

LA MOSTRA ALL’ENOTECA LA BUTA

Il Bagna Cauda Day vedrà anche una mostra a firma del pittore  Paolo Viola che ha dedicato i suoi quadri alle  acciughe e ad altre verdure da bagna cauda ospitata all’enoteca La Buta di via Incisa 16.

Le altre iniziative collegate al Bagna Cauda Day sono aggiornate sul sito www.bagnacaudaday.it e sul Vademecum della Bagna Cauda che è in distribuzione gratuita a cura di Astigiani e scaricabile dal sito.

Il Bagna Cauda day ha il patrocinio del Comune di Asti e della Regione Piemonte ed è stato reso possibile grazie al sostegno e alla collaborazione di Banca d’Asti, Consorzio della Barbera d’Asti, Simply market, Produttori di Vermouth dell’Unione Industriale di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Palazzo Mazzetti, Mario Fongo l‘Panaté di Rocchetta Tanaro, Ab selezione grappe di Canelli, Consorzio dell’Asti docg, Torroneria Davide Barbero, olio di nocciole Baldaiassa di Cortazzone, amaretti cavalier Vincenzi di Mombaruzzo, cooperativa tra apicoltori Abello di Asti Casabianca, Atl Asti Turismo, Camera di Commercio di Asti e Riviera di Liguria,  rassegna OliOliva Imperia, Consorzio Mondo Casale Monferrato.

Media partner: La Stampa

 

BAGNA CAUDA DAY IN NUMERI

150 locali aderenti con cuochi e cuoche che proporranno la loro Bagna Cauda: dal ristorante stellato alla trattoria di paese, la vineria e la cantina sociale, il locale di tendenza e quelli ancorati alla tradizione.

6 paesi del mondo coinvolti

15 mila posti a tavola complessivi

3 le versioni: “Come Dio comanda” (tradizionale), “eretica” (con poco aglio), “atea” (senz’aglio)

25 euro: il prezzo fisso della Bagna Cauda uguale in tutti i locali, compresi dolce e caffé

8 euro: il prezzo promozionale del vino a bottiglia direttamente dai produttori aderenti

Il Bagna Cauda Day è solo per chi non ha la puzza al naso

Facebook/Bagna-Cauda-Day

Twitter: @bagnacaudaday

Instagram: @bagnacaudaday

Hashtag: #bagnacaudaday #bagnacaudaday2016 #siamotuttinellabagna #baciamisubito #barberadasti #barberakiss #mynameisbarbera

Torna il Bagna Cauda Day: ad Asti, in Piemonte, in Liguria e nel mondo

foto-bagna-cauda-day1Ad Asti, in Piemonte, in Liguria e nel mondo è tempo di Bagna Cauda Day, l’evento che ogni anno rinnova il rito antico della bagna cauda in tre giornate di festa e incontri da venerdì 25 a domenica 27 novembre 2016. Il motto di quest’anno è: Siamo tutti nella bagna!

La kermesse si presenta con numerose novità e la stessa voglia di creare occasioni di incontro e convivialità. Alla quarta edizione la festa si allarga e arriva in Liguria dove vivrà un’anteprima dal 11 al 13 novembre in occasione di Olioliva a Imperia.

La Bagna Cauda è un piatto tradizionale che coinvolge e intreccia da sempre prodotti liguri e piemontesi, dall’olio al vino, dalle acciughe ai peperoni, dall’aglio al cardo gobbo.

I numeri del Bagna Cauda Day sono imponenti: oltre 13 mila posti a tavola riservati ai bagnacaudisti in più di 130 locali. Ci sono il ristorante stellato e la trattoria di paese, la vineria e la cantina sociale, il locale di tendenza e quelli ancorati alla tradizione.

Centinaia e centinaia di cuochi, cuciniere, addetti ai vini e ai tavoli, per tre giorni, con fatica e passione, cucineranno e serviranno le loro bagna cauda. Ognuna con il tocco speciale delle cose ben fatte, il tempo giusto, il piacere di stare a tavola senza fretta.

Sul sito internet www.bagnacaudaday.it è già possibile prenotare il posto a tavola per la cena di venerdì 25, pranzo e cena di sabato 26 e pranzo e cena di domenica 27 novembre.

Asti resta il baricentro del Bagna Cauda Day, ma si sono aperte altre “piazze” importanti di incontro a Casale Monferrato, Ovada, Costigliole d’Asti e in decine di altri paesi di Langa, del Monferrato del Roero. Anche Torino risponde in maniera sempre più convincente, così come la Valle d’Aosta e ci sono le sorprendenti adesioni dall’estero: da Berlino all’Australia. Perfino nell’isola di Tonga si celebrerà il rito della Bagna Cauda.

Continua a leggere…

Il Festival internazionale della Barbera a Costigliole d’Asti | 28-29-30-31 ottobre e 1° novembre

Il cestino colmo di uve Barbera rappresenta la nuova veste che indossa quest’anno lo storico evento di Costigliole d’Asti Barbera il Gusto del Territorio, che si fregia anche del titolo di Festival Internazionale della Barbera.

Il Festival è curato nel coordinamento da Pier Ottavio Daniele insieme alla amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Borriero, ed in particolare con l’assessore al turismo Michela Surano, oltre che con la Cantina Comunale dei Vini guidata da Giorgio Gozzellino, l’ICIF, la Pro Loco, l’Associazione Costigliole Cultura, WineaT, la comunità collinare Tra Langa e Monferrato, il Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato, la banca e la fondazione C.R. Asti e la Regione Piemonte.

Tante  collaborazioni per un intenso programma che presenta molti e preziosi contenuti, ricco di ospiti e appuntamenti, esteso su cinque giornate e che ha inizio venerdì 28 ottobre: alle ore 18 nella sala polivalente accanto alla Cantina dei Vini di via Roma, l’inaugurazione della mostra di pittura e scultura della Associazione Artisti Chieresi; alle ore 19, nel teatro comunale, la presentazione della Guida Slow Wine con Giancarlo Gariglio cui seguirà, alle ore 21, la proiezione del docufilm “BARBERA GIRLS – Tappo 12” con brindisi finale.barbera-girls

La manifestazione entra nel vivo sabato 29 ottobre: alle ore 10 del mattino, presso l’Orangerie dell’ICIF, altra novità è il “MASTER OF AGNOLOTTO dedicato a Lidia Alciati”, una splendida celebrazione della nostra preziosa cucina e di una delle sue riconosciute interpreti: una vera lezione sulla preparazione degli agnolotti insieme a Mariuccia Ferrero, cuoca del ristorante San Marco di Canelli (la partecipazione è gratuita, con prenotazione al n° tel. 329.2284049). Alle ore 11, presso la Sala del Consiglio Comunale, il “Brindisi di Inaugurazione” accompagna la presentazione della “Mezza Stagione teatrale”, mentre alla vicina Cantina dei Vini si apre il Banco d’Assaggio che propone una degustazione di 200 diversi vini (bicchiere e tasca a 10 euro). Alle ore 19 nel teatro comunale, Sergio Miravalle presenta il nuovo numero della rivista “Astigiani” e l’annuale “Bagna Cauda Day” e alle ore 20.30 nell’Osteria “La Barbera” del castello, si terrà la “Cena Internazionale” che propone la Barbera d’Asti in abbinamento con le cucine del mondo: evento enogastronomico curato dall’ICIF (la scuola internazionale di cucina) che presenta i gusti di Messico, India e Russia accanto agli agnolotti della cuoca stellata Mariuccia Ferrero. Un incontro culinario di alto livello che ha come ospite Piercarlo Grimaldi, Magnifico Rettore dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, e accoglie la proiezione del docufilm “Bello da Mangiare. Di contenuto, di contenitore – le raviole al plin”. (Cena a euro 50 vini inclusi. Posti limitati. Prenotazioni al n° tel. 329.2284049). In questa giornata il castello è aperto alle visite dalle ore 16 alle ore 19 e la Pro Loco propone la cena nella Sala Polivalente.

Domenica 30 ottobre è il “Barbera e Tartufo Day”, le vie e le piazze di Costigliole d’Asti sono coinvolte dalla mostra-mercato del tartufo, che nei ristoranti  e osterie del territorio si può gustare attraverso i piatti tradizionali accompagnato con il vino Barbera d’Asti, mentre la Pro Loco propone il pranzo nella Sala Polivalente. Il Banco d’Assaggio alla Cantina dei Vini è aperto dalle ore 10 alle ore 23, mentre alle ore 21 nel teatro comunale l’appuntamento è con il divertente spettacolo a ingresso gratuito “Serata di Spirito” con Pippo Bessone (già Tre Lilu) che interpreta “Padre Filip e la mezz’ora canonica”. Lo spettacolo sarà seguito da un altro gustoso momento: l’anteprima del panettone artigianale prodotto a Costigliole d’Asti in abbinamento alle grappe delle locali distillerie. In questa giornata le visite al castello sono previste dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. E’ aperta anche la chiesa di San Gerolamo dalle 16 alle 18 per le visite al Museo d’Arte Sacra.

Rispettando la tradizione, lunedì 31 ottobre accoglie un appuntamento dedicato in particolare agli operatori di settore e agli appassionati di vino, ma aperto ovviamente a tutti: alle ore 17.30 presso il castello è in programma il workshop “I Principali Terroir della Barbera”, una interessante degustazione guidata che vede il contributo di Gianni Lercara dell’ICIF; l’agronomo e presidente del Consorzio Barbera d’Asti Filippo Mobrici; Jonathan Gebser, Davide Panzieri e Pier Ottavio Daniele per Slow Wine e poi i produttori Claudio Dacasto, Gianni Bertolino, Giorgio Gozzellino, Pietro Ratti, Dante Garrone, Elena Bassignana e Andrea Costa a rappresentare i diversi territori piemontesi del Barbera (degustazione su prenotazione, tel. 329.2284049). Nella stessa giornata il Banco d’Assaggio è aperto dalle ore 11 alle ore 23 nella Cantina dei Vini che alle ore 21 ospita lo spettacolo di musica, poesia e racconto “Quella Barbera della Sera”, con Gianpiero Nani e Bati Bertolio: lo spettacolo è a ingresso libero e prevede anche la distribuzione dello zabaglione al Barbera “Rousmà” e una degustazione di Vermouth.

Martedì 1° novembre rimane aperto il Banco d’Assaggio dalle ore 11 alle ore 21 e la Pro loco propone il pranzo nella sala polivalente. L’ultimo atto di questa intensa celebrazione che Costigliole d’Asti dedica alla Barbera, si compie al teatro comunale dove, alle ore 18.30, viene proposto un aperitivo in musica: Jazz in Cantina con il Claudio Chiara Quartet.

Durante i cinque giorni dell’evento alla Cantina dei Vini esposizione di Massimo Evandroprima d’la buta” e mostra di fotografie aeree del costigliolese Franco Bello. Per avere ogni informazione relativa all’evento: tel.: 329.2284049 – 0141.962202/962210, segreteria@costigliole.it.

Costigliole d’Asti: sabato 15 ottobre apre il Museo Arte Sacra

museo arte sacra costigliole d'astiIl Museo Arte Sacra di Costigliole d’Asti apre sabato 15 ottobre: sarà visitabile dalle 16 alle 18. L’Associazione culturale Confraternita di San Gerolamo organizza visite guidate per consentire ai visitatori di scoprire i tesori salvati e custoditi ora all’interno del museo: numerose sculture, dipinti, preziosi oggetti di culto. Da tempo sono impegnati nel salvare il patrimonio storico artistico di Costigliole. La visita è gratuita.

Il Museo aprirà ancora domenica 30 ottobre.

L’Associazione è nata per recuperare, salvaguardare e far conoscere il patrimonio culturale, storico, artistico e architettonico sacro e civile di Costigliole d’Asti. Oggi è la custode del museo. Dal 2009, ha lanciato il progetto “Adotta un’opera d’arte”, rivolto a chi, sensibile ai problemi del recupero e della tutela dei beni artistici, desidera finanziare il restauro di un’opera. Sono già 27 le opere d’arte restaurate.

Prosegue la raccolta adesioni per restaurare un dipinto della metà del XVIII secolo che raffigura San Rocco. È un progetto comunitario di restauro: il quadro è stato suddiviso in 90 piccoli riquadri ciascuno del valore di 50 euro. L’obiettivo è raggiungere i 4.500 euro, costo del restauro completo dell’opera. Attualmente sono 56 i riquadri per cui è garantito il restauro.

Chi volesse contribuire, può mettersi in contatto con il parroco don Giuseppe Pilotto, anche presidente dell’Associazione, scrivendo a parrocchia.costigliole@gmail.com.

Altre info sul sito: www.museoartesacracostiglioleat.it

Il 14 e 15 ottobre concerto, lancio di palloncini e pedata per la Giornata nazionale Aila ad Asti e Santo Stefano Belbo

aila-giornata-2015Tre iniziative solidali per raccoglie fondi da destinare alla ricerca sulla Lafora, malattia molto rara che colpisce i bambini. Le organizza l’Associazione Aila di Agliano Terme, sede nazionale, che da 10 anni è impegnata nel sostegno della ricerca su questa rarissima malattia genetica neurodegenerativa ancora senza cura.

Venerdì 14 ottobre ore 21 al teatro parrocchiale di N. S. di Lourdes ad Asti concerto del coro VocIMundi di Rivalta di Torino. Ingresso a offerta. La serata è organizzata con l’Associazione Dott.ssa Patrizia Revello di Castiglion Tinella nata nel 2016 in ricordo della dott.ssa Patrizia Revello e sostiene la ricerca su una forma rara di tumore al seno, detta triplo negativo.

Sabato 15 ottobre in occasione della Giornata nazionale dell’Aila sono due gli appuntamenti: il primo alle 16 in piazza San Secondo ad Asti con distribuzione e lancio di palloncini colorati; l’altro alle 15 a Santo Stefano Belbo con pedalata solidale per Aila: si parte dal ristorante Cascina Giliana in strada Fontanette 41. Ritorno alle 18 con apericena. Costo 13 euro. Info e prenotazioni: 329 1894902 (Romildo), 347 2982740 (Carla), 338 8113125 (Claudio).

Altre info: www.lafora.it

Un’amatriciana benefica per ricostruire l’apicoltura di Gecco domenica 2 ottobre da Grappolo contro Luppolo a San Marzano Oliveto (Asti)

cartelli-grappolo-contro-luppolo-carussinEugenio Casini detto “Gecco” produceva miele, come suo padre, ad Amatrice. È rimasto vittima del terremoto e con lui sua moglie e sua figlia che si occupavano dell’azienda di famiglia. La sorella di Gecco e la mamma hanno deciso di proseguire il suo lavoro e ricominciare a produrre miele.

L’azienda vitivinicola Carussin e l’agribirreria Grappolo contro Luppolo organizzano domenica 2 ottobre alle 20 a San Marzano Oliveto (Asti) un’amatriciana per aiutarle a ricostruire l’azienda Casini. In menù bruschette con guanciale, bucatini all’amatriciana e una selezione di pecorini. Il costo è di 25 euro vini inclusi.

“Andremo personalmente a conoscere la mamma e la sorella di Gecco e a consegnare loro il ricavato della cena” dice Valentina Cucchiaro, la giovane sommelier che gestisce l’agribirreria.

Si richiede la prenotazione per una migliore organizzazione della serata: 349 2621282, vinicarussin@gmail.com.

Sabato 24 settembre a Costigliole d’Asti s’inaugura la Panchina gigante che guarda l’Unesco da Bricco Lu

 

panchina-gigante-bricco-luIl recupero di un belvedere panoramico, la nascita di un parco naturale e il posizionamento di un’altra Panchina “fuori scala”: accadrà attorno a Bricco Lu di Costigliole d’Asti, un colle alto 310 metri sul livello del mare con una vista mozzafiato a 360° che dalle terre dell’Unesco – Monferrato, Langa e Roero – corre fino alla catena di Alpi.

Sabato 24 settembre s’inaugura la nuova Big Bench, la panchina gigante che l’imprenditrice vitivinicola Mariuccia Borio, di Cascina Castlèt, ha donato al Comune per i 40 anni del Passum, la sua Barbera d’Asti punta d’eccellenza della cantina. La prima, sempre disegnata dall’artista americano Chris Bangle, è tra i vigneti al Castelletto, dove ha sede l’azienda.

Il Comune di Costigliole d’Asti si è occupato di sistemare il bricco per restituirlo a cittadini e turisti che visitano il posto. In occasione dell’evento, è prevista una passeggiata di 7 km organizzata da Costigliole Cultura, con partenza alle 15,30 dal sagrato della Chiesa della Madonnina (info: Filippo Romagnolo 348.1387521). Per chi non ha voglia di scarpinare, il ritrovo è alle 16,30 sempre davanti alla Chiesa della Madonnina e si sale a Bricco Lu, dove s’inaugura la Panchina gigante. La Pro Loco di Costigliole offre un aperitivo con soma d’aj e uva moscato e barbera.

E intanto è arrivata una buona notizia: nascerà una riserva naturale che da Bricco Lu toccherà anche i territori di Calosso e Agliano, comprendendo il percorso del rio Bragna e il Paludo, un’oasi della Lipu dove nidificano numerose specie di uccelli. “L’oasi del Paludo e la riserva naturale del Rio Bragna sono due sogni che si realizzano – racconta Filippo Romagnolo, assessore e presidente della Associazione Costigliole Cultura – tutto nasce nel 2000, quando facemmo un Consorzio per togliere gli scarichi nel rio”.

“Grazie alla sensibilità di Mariuccia Borio – dice il sindaco Giovanni Borriero – il Comune di Costigliole d’Asti potrà completare la piena valorizzazione turistica e ambientale di uno dei punti panoramici più noti e affascinanti delle terre dell’Unesco. Possiamo finalmente inaugurarla perché abbiamo completato i lavori di installazione oltre alla posa degli arredi, della segnaletica informativa e stradale del sito. Il piazzale di Bricco Lu è da oggi accessibile solo a pedoni e ciclisti, non più ad auto e a moto”.

“Dedicheremo la panchina – annuncia la vignaiola Mariuccia Borio – alla maestra e poetessa Teresa Mastallone che scrisse la leggenda del Colle di Lu e dell’amore di Cocco e Gentucca. È l’inizio di un progetto di valorizzazione del territorio, di fare squadra con le altre anime.”

La panchina è libera a tutti: tutti possono vederla, sedersi sopra e godersi il paesaggio.

L’hashtag per chi si fotografa sulla panchina è #rossopassum

Per info: Cascina Castlet 0141.966651; Comune di Costigliole d’Asti 0141.962210/11

Scarica la locandina dell’inaugurazione della Big Bench

 

Asti, inaugurata la nuova Enoteca La Buta

inaugurazione-la-buta-asti Un luogo di vino, incontri, chiacchiere. È stata inaugurata la nuova Enoteca La Buta, in un palazzo storico di via Incisa 16, a due passi da piazza San Secondo. “Nel cuore di Asti con Asti nel cuore” dice lo slogan che riassume la filosofia dei sommelier Bruno Violato e Tatiana Sabo, gestori del locale con Gianna Cavone.

“È un locale pensato per gli astigiani ma anche per i tanti enoturisti italiani e stranieri che visitano la nostra città – dice Violato – vogliamo essere una vetrina delle eccellenze vinicole prodotte in Monferrato, Langa, Roero, terra Patrimonio dell’Umanità Unesco, e diventare un punto di riferimento nel settore”.

Si proporranno degustazioni guidate di vini e prodotti tipici, iniziative di Associazioni e di Consorzi, incontri e sinergie con i produttori, lunch e aperitivi serali con taglieri di salumi e formaggi. Non solo enoteca e wine shop: “La Buta sarà anche un punto informativo per il turista che vuole visitare la città, le cantine e il territorio – dicono i gestori – gli mettiamo a disposizione mappe, percorsi e contatti. I locali potranno servire anche per accogliere piccoli gruppi che desiderano essere condotti nell’assaggio dei vini della nostra Unesco”.

inaugurazione-la-buta_asti_01Per il 2017 si proporrà un calendario di eventi legati al mondo del vino con supporto dell’Associazione Barbera&Barbere, presieduta da Beppe Giordano, iniziative turistico-culturali e corsi per sommelier con la Fis (Fondazione italiana sommelier).

L’Enoteca La Buta sarà aperta tutti i giorni dalle 11 alle 23, anche la domenica. Chiuso il mercoledì. Info: +39 333 4933160 – bruno.violato@libero.it