Our Blog


Arrivano in tv “I Signori del vino”: dal 31 gennaio Rai Due dedica dieci puntate alla viticoltura italiana e alle sue storie

Angelo Gaja

Angelo Gaja

Umiltà, curiosità e passione. Tre qualità che ci vogliono per essere un grande produttore di vino, ma anche un giornalista che parla di vino. Così Carlin Petrini, patron di Slow food, ha accolto oggi nel suo quartier generale dell’Università di Scienze Gastronomiche a Pollenzo, nelle Langhe, il direttore del TG2 Marcello Masi, il suo vice Rocco Tolfa e Marco Giudici, responsabile Rai dei programmi di cultura. Da Pollenzo, gli uomini Rai hanno presentato il nuovo programma televisivo “I Signori del vino”, realizzato con il Ministero delle Politiche Agricole.

Dieci puntate di mezzora l’una, il sabato sera alle 23,40, dal 31 gennaio, racconteranno la storia, gli uomini e le donne, il territorio di altrettante dieci regioni vinicole d’Italia. La prima puntata, il 31 gennaio, sarà dedicata proprio al Piemonte. A Pollenzo, hanno anche trasmesso un breve assaggio: “Questa trasmissione è come un figlio – ha detto Masi – E’ la tv pubblica che torna a parlare di vino e a fare cultura. Incontrare grandi personaggi del vino come Angelo Gaja è stata un’emozione vera. Un grande che rispetta e ha dato valore alla sua terra. Ne sapevo poco prima di viticoltura e ci ho messo umiltà nel raccontarla. Ho scoperto che traina l’export italiano e dà lavoro a milioni di persone”. Com’è nata l’idea? “Diamo sempre notizie negative – ha raccontato Tolfa – Volevamo raccontare qualcosa di bello: siamo partiti da una nostra passione e ci siamo chiesti cosa c’è dietro la bottiglia”.  Ed ecco il Piemonte con i suoi volti da Angelo Gaja a Pietro Ratti. E la Sicilia con Arianna Occhipinti che racconta un’altra pagina della nuova agricoltura. E dal Friuli Josko Gravner e il suo vino in anfora.

Continua a leggere…